giovedì 3 gennaio 2013

Anno nuovo Collezione nuova! Arabesque

No, non stavo perdendo tempo, stavo aspettando una giornata di sole per poter fare qualche foto delle "cose nate a cavallo degli anni". Anni 2012/2013.
Il '13 inizia bene, inizia così bene che è iniziata pure una nuova collezione di Paper Leaf, Arabesque. Megalomane? No, più che altro è che mi piace dare un minimo di ordine al caos in cui sguazzo normalmente. Mi diverte dare nomi alle cose e raggrupparle in famiglie più o meno allargate. Psicosi? Può essere, ma a volte è utile. Soprattutto quando cerchi i files o gli scatti fotografici.
Ad onor del vero, per me l'anno inizia a settembre, non a gennaio, quindi questo è solo il periodo dell'anno "freddo e con i parenti" e il flusso creativo continua imperturbato come a marzo o a novembre. Quest'anno però a Natale è arrivato un dono inaspettato... un regalo dalla cantina!!!
Ma andiamo con ordine inverso, prima il risultato e poi la spiegazione.
La nuova collezione, Arabesque dicevamo, ha radici vecchie e lunghe che si srotolavano nella mia mente da un'annetto e passa, ma ogni tentativo era naufragato per ragioni tecnico-scientifiche, ossia riuscire a fare due pezzi molto complessi ed uguali. Ma non complessi miciomicio all'acqua di rose, no! Davvero complicati... arabeschi per l'appunto. Tipo questi:

Desert Rose | orecchini in cartoncino nero, orone | handmade paper earrings, black paper, faux gold leaf

Il concetto è lo stesso della spilla SunriseInTheGrass, ma il disegno è più complesso e gli spessori degli steli decisamente più sottili. Farne due e farli uguali? Quasi impossibile. Quasi.

Desert Rose | orecchini in cartoncino nero, orone | handmade paper earrings, black paper, faux gold leaf
Le dimensioni sono ancora abbondanti ma gradevoli, la chiusura a perno accorcia un po' le lunghezze eccessive, tutto sommato così soddisfatta da dare dignità di collezione a questa costola della già numerosissima collezione The Golden Age. Per ora la micro collezione Arabesque, conta 6 pezzi, anzi 7, tutti un po' confusi (c'è qualcosa di celtico, qualcosa di moderno, qualcosa di persiano e pure qualcosa di scozzese) ma tutti accumunati dal disegno sottile e complesso su fondo oro.

Il trucco c'è, almeno parziale, diciamo che è un semi-fatto a mano. E qui scatta la spiegazione del "regalo dalla cantina". Bisogna avere un babbo ingegnere ingegnoso che utilizza e customizza qualsiasi cosa, della cantine paterne quali miniere di stupore e tesori e la sopraccitata capacità nell'osservare le cose senza preconcetti. Aggiungiamo una pressa per uva, un po' di tempo, curiosità, aiutanti felini, tentativi falliti e maledizioni relative ed otterremo ciò che vogliamo. Questo:


Capito tutto no? Eh? In realtà la pressa per uva-customizzata mi serve per stampare qualche lastrina in linoleum che non riesco più a schiacciare con forza per sopravvenuti dolori articolari (l'età signora mia! sapesse!), ma mi servirà anche per embossare la carta, fustellare e punzonare.
Arabo? No, Arabesque! ;)

25 commenti:

  1. *.* io.sono.senza.parole.
    Favolosi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!, biiis biiiiiiis!
    :*****************

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bis, tris e quatris!!! Devo solo fare le foto... come qualcun altro... ;)

      Elimina
  2. Che belli gli orecchini!! *_*
    E super mega mitica la pressa!! Wow!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!!! Bella la pressa vero? Mi sono innamorata subito di quell'aria anni '70. Che design!
      :***

      Elimina
  3. uTILISSIMA LA PRESSA PER L'UVA!qUESTI ORECCHINI SONO STUPENDI.mI FANNO PENSARE A UNA VETRATA DECORARA IN UNA CASA KUSSUOSA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una vetrata... interessante, non ci avevo pensato. Mi piace come parallelo. Grazie! ;)

      Elimina
  4. Sono davvero splendidi indossati! Ma come fai a tagliare della roba del genere... curve, fiori, steli sottilissimi =O
    Immagino cosa potresti realizzare se avessi una di quelle macchine tagliatrici automatiche (si chiama forse fresa?!? bho).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per questo che uso la pressa! Pre-incido con la pressa il disegno e poi vado a tagliare con il bisturi. Chiaramente dipende dal tipo di stampo che ho a disposizione...
      Le stampanti da taglio? Magari!! Ma costano troppo e in italia non si trovano... qui vendono solo quei giocattoli tipo la big sizzy, ma servono solo per fare scrapbooking e hanno le fustelle predefinite. Quindi inutilizzabili...

      Elimina
  5. Il tuo spremi uva ha molta più classe del mio metodo con pastaiola per pressare e fustellare la carta... ma ciò che a classe non è paragonabile sono questi stupendi Arabesque!!! Per l'inchino mi aspetto perché se riesci a riprodurre la manina di fatima (sono secoli che provo ad intagliarla con risultati disastrosi!!!) sarai la mia guru non solo per il 2013 ma per l'infinito e oltre!!!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, la mia pastaiola è nuova nuova, ho paura di devastarla. Però uso l'attrezzo per fare le tagliatelle per fare le strisce per il quilling... :)
      La manina di Fatima mi sta facendo penare, hai visto che cavolo di micro svolazzi??? Ora o trovo un'altra manina meno complicata da usare come fustella o elimino con la tronchesina qualche pezzo prima di fustellare.
      Consigli?

      Elimina
    2. visto la tua professione e visto che con l'arte sei praticamente un impasto unico proverei a disegnarla a mano libera e poi giù d'intarsio!!!

      Elimina
    3. Mh... fino ad ora tutti i miei pezzi sono disegnati a mano libera e tagliati a mano... e proprio per questo riuscire a fare due pezzi quasi identici senza una "traccia" da seguire non mi era mai riuscito.
      Con la pressa che mi permette di imprimere una guida invece è possibile!
      L'unica rogna è che sono vincolata dalle fustelle... finchè non inizierò a farmi da sola pure quelle!!! ;)

      Elimina
  6. Stupendi è dire poco... la collezione arabesque si profila staordinaria e preziosa! Un saluto, silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Spero che piaccia tanto quanto piace a me! ;)

      Elimina
  7. di classe...da lasciare senza fiato. La pressa? beh adoro la necessità che aguzza l'ingegno!!!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come'è che si dice? Di necessità virtù! ;)
      :****

      Elimina
  8. Sono senza paroleeeee**
    Questi orecchini sono un sogno, sbavo vergognosamente *ç*
    E voto sì per la collezione, sisisi e ancora si**!

    E viva l'ingegno, bellissima l'idea di embossare con la pressa per uva, sei geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il genio è il babbo, diciamolo. Anzi se non ci fosse lui a trovare soluzioni ardite ai miei problemi folli, molti pezzi sarebbero rimasti sulla carta e non di carta! Ahahaha!!!
      Arrivano, arrivano gli altri pezzi, ci sto prendendo gusto!
      :******

      Elimina
  9. stupendi!
    se ti va passa a trovarmi:http://viviconvivi.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivi, benvenuta! Certo che vengo a trovarti!

      Elimina
  10. Sono davvero deliziosi, sono proprio curiosa di vedere gli altri pezzi di questa collezione...certo che avrai faticato molto ma, visto il risultato n'è valsa la pena...sono tra i miei preferiti...
    Continua così
    A presto
    Imor Malia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imor! Si, tanta fatica ma anche moltissima soddisfazione!
      Eppoi, capito il meccanismo, neanche troppa fatica. Attenzione più che altro!
      Grazie

      Elimina
  11. Sappi che inizio ad odiarti ^_^ simpaticamente, of course! Sono incantevoli, perfetti sotto ogni punto di vista, un vero lavoro Paper leaf! LoVeLoVeLoVe!!!

    Felicissimo 2013 Cara Elisa, spero ci saranno occasioni per rivederci! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooo, non mi odiare!!!!!! :) Non tu!

      Elimina
  12. Ciao! Ho trovato il tuo blog stamattina, per caso... e ho passato mezz'ora con la bocca spalancata! :D
    Davvero complimenti! fai dei lavori meravigliosi! E di questa collezione mi sono follemente innamorata! Ti seguirò molto volentieri!
    A presto
    Emanuela

    RispondiElimina