venerdì 2 agosto 2013

Modelli e riferimenti - II puntata

Come promesso, mostro quelli che, negli anni, sono diventati i miei personali MBook. Le mie "raccolte" di riferimento, il materiale a cui attingo per le mie creazioni e non solo i gioielli di carta.
Purtroppo - o per fortuna - molto materiale è andato perduto per diverse cause... durante i traslochi, per incuria, per danneggiamento o più semplicemente perchè in quel momento non mi sembrava importante e/o interessante abbastanza da tenere.
Tanto per dire, durante un trasloco ho buttato nel cassonetto della carta l'intera raccolta di foto prese da riviste che avevo messo su in quasi 10 anni (1990-2000). Suddivise in donne / uomini / ADV / food / still life / guerra&azione / etnico / travel&lifestyle / moda / nudi, si facevano quasi 8 chili. In un'epoca dove internet non era una fonte utilizzabile e l'unico modo di avere immagini disponibili era quello di cercarle, comprarle, fotocopiarle, copiarle o tenersi gli originali, quello era un piccolo tesoro!
Adesso mi mangio le mano! Per il resto ho avuto abbastanza buonsenso e lungimiranza da tenermi il tenibile.
Di questo resto, posso delineare i confini: libri (ereditati e/o comprati), copie e fotocopie, bozzetti e disegni ed archivi digitali. E' tanta, tantissima roba e senza ombra di dubbio, posso affermare che il materiale cartaceo è di gran lunga superiore a qualsiasi archivio digitale.
Non si formatta, non si perde in-chissà-quale-hd, non si smagnetizza, non teme di finire nel cestino per sbaglio. Se ben tenuto può rimanere in attesa in un cassetto o su uno scaffale per anni, decenni, senza perdere dati o informazioni. Be' si certo... c'è la questione pesciolini d'argento (Lepisma saccharina) che banchettano allegramente nel buio delle librerie, ma un po' di citronella o di lavanda bastano a tenerli lontani ed a profumarvi le pagine!
Sì, lo so che fanno schifo, ma ricordatevi che hanno iniziato a zampettare sulla terra 399.000.000 anni prima di noi e che - forse - potrebbero sopravvivere ad una guerra nucleare. Mi sa che son più fighi loro...
Chiusa la parentesi insetto, mi sembra degno mostrare una delle prime motivazioni di ricerca&raccolta di modelli e riferimenti: le tavole della tesi "Il Bosco medievale: Bestiario ed Erbario fantastico". Era il lontanissimo 1995 ('93? 96? non ricordo! Luisa, se stai leggendo rispolverami la memoria!!!) e molta acqua ed acquerello è passata sotto i ponti!

Il Bosco medievale: Bestiario ed Erbario fantastico | Acquerello su carta nuvolata

Era la Tesi finale e doveva essere perfetta... alla fine per 5 tavole avrò raccolto 5 chili di fotocopie, scarabocchi, schizzi, prove e maledizioni. Chili di carta che sono sopravvissuti in parte fino ad oggi.
Detto questo, svelo i miei segreti e segretissimi riferimenti da cui attingo, copio, ricalco, reinterpreto e ridisegno. In primis i libri d'arte, i cataloghi ed i preziosissimi Motif Book delle edizioni Dover.


Decorazione e Trompe L'Oeil con il mitico Graham Rust di cui ho realizzato copie vere e proprie quando, ancora in possesso della mia spalla, m'arrampicavo sui ponteggi e pittavo muri e soffitti.
Di Giovanni Fanelli - Il Disegno Liberty - pubblicato nel 1990, è stato una delle pietre angolari della mia collezione.
Le edizioni Dover sono presenti con volumi di cut&use stencil (mai tagliati-per-carità!!!!), lettering e veri e propri Motif Book assortiti. Sono reperibili online, Amazon ne ha una buona ed ampia scelta (qui il risultato di una ricerca veloce) ma se preferite la vecchia cara libreria consiglio IBS che ormai ha sedi un po' dovunque nel centro/nord Italia. Feltrinelli è un po' carente. Dal momento che non ci sono testi ma solo figure, volendo, li si può ordinare direttamente dall'estero con una maggiore e più ampia scelta. Una valida alternativa sono le bancarelle di libri usati, o almeno qui a Roma è possibile pescare ancora qualcosa d'interessante, magari qualche "svuotino" di cantine. I Tesori dalle Cantine non finisco mai di stupirci! Puzzano un po' di muffa, ma vale la pena.

Ci sono poi, i libri ereditati. Quelli che arrivano zitti zitti con quasi 100anni sulle pagine e che con estrema dignità continuano a farsi smanacciare, sfogliare e ricalcare come fossero freschi di stampa. Hanno un fascino tutto loro e sono per me preziosissimi. Il mai abbastanza lodato "Les styles de l'ornement" di Alexander Speltz, stampato dalla Hoelpi a Milano in prima edizione del 1880, le "Nozioni generali di disegno" di Guido Landi, edito da Del Re e figli nel 1923 (anche se la mia copia è tutta timbrata 26 / 5 / 18...) e una edizione di anatomia e disegno dal vero d'ignota provenienza. Senza copertina e stampata in tedesco gotico. Bella ed impossibile da individuare.
Completano il set, una serie di piccole pubblicazioni, di nessun valore letterario (autori scomparsi e sconosciuti) ma che grazie alla cura dei tempi che furono, sono ornati in copertina, risvolto ed interni, da piccoli capolavori grafici, ricchi ornamenti e deliziosi motivi inizio secolo. Succulentissimi.


Una sezione ibrida è quella costituita da 2 faldoni (due-pieni-zeppi) di fotocopie delle più disparate cose. Calligrafia, ormanenti celtici, fiori, decori, silhouette, tavole botaniche, disegni di scavi archeologici, qualsiasi cosa su cui abbia messo le mani e non potessi tenere con me!
Molti volumi erano inavvicinabili per costo o reperibilità e quando mi capitava l'occasione, in modo più o meno lecito e legale, fotocopiavo! Di nascosto, di straforo, a volte "rubando" temporanenamente il libro per portarlo alla prima copisteria e poi rimetterlo a posto senza farmi pizzicare con il sorcio in bocca. Ops! Con il libro in mano! ;)


Questa qui sopra è una piccola parte. Sono tutte ordinatamente suddivise ed imbustate, così per appagare la mia smania d'archivista!
Ci sono poi tutti i materiali che ho copiato e/o ricalcato perchè era impossibile comprarli, fotocopiarli, rubarli (ho fatto anche questo...) o averli in prestito. Tipo le stampe o le illustrazioni di libri inarrivabili. Ma di questo parlerò nella III puntata!
Scusate, ma un po' di suspance la devo creare o no? E mica posso svelare tuttotuttotutto!!!


Fra poco la III (ed ultima) puntata!

18 commenti:

  1. *_*
    mi hai appena fatto venire in mente una intera enciclopedia "corso di disegno" che avevamo trovato a casa di mio nonno e che mio papà ha voluto buttare, mentre io insistevo per tenerla; peccato.. ero troppo piccola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo... peccato... mannaggia, certe volte gli "adulti" non capiscono proprio.
      Tocca rifarsi! Libri usati, bancarellle e mercatini!!!!!
      ;)

      Elimina
  2. Corro subitamente in soccorso temporale:
    "Era il lontano 1993..."
    ebbene sì, sigh

    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OMG... 1993... non è vero, non è assolutamente vero, noooooooooooo, cioè tu mi stai dicendo che nel 1993 noi eravamo già maggiorenni???????
      Lo sai vero, che qui c'è gente che è nata DOPO????
      Argh!
      Comunque la vecchiezza mia si vede e si sente... tendo a dimenticare! ;)

      Elimina
    2. ...puoi sempre fare la prova del C14 sulle tavole :DDD

      sempre Luisa

      Elimina
  3. Che libri meravigliosi hai!!A me i pesciolini d'argento non danno fastidio ma quamdo li trovo li elimino appunto perchè sò che si mangiano la carta e mi dispiacerebbe perdere il mio piccolo tesoro di libri e riviste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non li uccido, tanto, anche se ne spiaccichi 1 ce ne sono altri 50 che non trovi e che si mangiano l'enciclopedia in ordine alfabetico...
      Lavorano di notte ed hanno una predilezione per i libri a cui tieni di più. Mai che si mangiassero un Romanzetto da 5 euro.. no!!! Solo quelli dai 30 euro in su!

      Elimina
    2. buongustai ;9

      Luisa

      Elimina
  4. Odio i pesciolini argentati. Per fortuna i gatti li adorano, sono belli croccanti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le teppiste hanno smesso di mangiarli. Li uccidono solamente, lasciandoli in mezzo ai piedi, spiaccicati e sbudellati.
      Inutili felini...

      Elimina
  5. Bellissimi! Mi piacciono tanto le decorazioni, ma ho scoperto solo ora che esistono libri dedicati esclusivamente a questo argomento...grazie!!!

    RispondiElimina
  6. Maaaaaa**
    Che collezione**
    Mai fatte delle raccolte come le tue, quasi quasi mi ci metto XD

    RispondiElimina
  7. Ciao!!
    Questo è il mio primo commento al tuo blog, anche se lo seguo da un pò!! Fai dei lavori incredibili, e questi acquerelli sono semplicemente meravigliosi!! Anch'io ho la tendenza a raccogliere libri-giornali-riviste-immagini-foto-sassi-bottiglie-contenitori vari-oggetti strani che non si sa mai che servano=).....Finchè le librerie reggono il peso nessun problema!!
    Studio storia medievale all'università, e pensavo di fare la tesi sui bestiari dell'epoca; spero non ti scocci se ti mando una mail per chiederti qualche informazione!
    In ogni caso ancora complimenti, hai una mano splendida, e il modo in cui usi i colori è decisamente "vivo", mi piace un sacco!!
    Un saluto,
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ti ho scritto una mail con un po' di info. Vedi se ti possono essere utili, anche se... è materiale vecchietto!

      Elimina