giovedì 29 novembre 2012

Strumenti improbabili

Anche gli scatti sono improbabili, soprattutto per la luce che latita in questi giorni di maltempo. Qui piove a dirotto da oramai 2 giorni, le belve feline sono in letargo nella tana di pile e l'atmosfera è crepuscolare. E' il momento propizio al paper cutting.
Buio intorno, luce solo sul piano da lavoro, una tazza XXL di caffè fumante, carta e bisturi. Non si può desiderare nulla di meglio! Il mio piano di lavoro è precipitato nella spirale di delirio, delizia e caos creativo che contraddistingue la seconda fase del paper cutting. Prima progetto, disegno, faccio  qualche prova preliminare, e poi riporto tutti i pezzi dei disegni sul cartoncino definitivo. A quel punto mi immergo nel paper cutting e il caos esplode in tutta la sua potenza.
Pezzetti di carta per ogni dove, concentrazione, tagli imprecisi, maledizioni conseguenti, soddisfazione, aggiustamenti in progress, pezzo finito, avanti il prossimo! Processo che può durare anche giorni, fino al completo taglio di tutti i pezzetti da assemblare.

Il lavoro sporco | The dirty work

Nel mio delirio cerco almeno di darmi un'ordinata con la suddivisione dei pezzi. Quelli da tagliare, quelli tagliati, quelli da dorare e quelli finiti. Alterno momenti di taglio a momenti di incollaggio, visto che lascio ogni elemento ad asciugare sotto pressione almeno 5 ore (in inverno anche 10 ore).

Dall'alto in senso antiorario: pezzi tagliati | lavorazione | scarti | pezzi incollati
From above clockwise: cut pieces | cutting | scraps | glued pieces

E più sono gli strati da incollare più tempo ci vuole per farli asciugare. Pazienza è l'ingrediente principale, se fremi e vuoi vedere subito il risultato corri il rischio di rovinare tutto e dover riniziare da capo. Non è una tecnica per frettolosi! Come ogni tecnica che si rispetti, ha i suoi strumenti dedicati, che alla fin fine si riducono a 2 fondamentali:
• bisturi
• carta
Si, certo, poi ci vuole progettazione, pazienza ed un certa tendenza al masochismo da insuccesso. Per non esser da meno, ne ho aggiunti di personali (strumenti), perchè alcuni effetti a mano non ci si riesce manco se sei un ninja del bisturi. Tipo fare i buchini tondi.
C'è chi li fa con uno spillo, ma a causa della compressione del materiale vengono dei buchi a "cono"; davanti incavati e dietro estrusi, senza contare che vengono microscopici. Altri consigliano il taglio a poligono, ossia una serie di micro-incisioni lungo il bordo del cerchio fino ad avvicinarsi quanto più possibile alla circonferenza. Va bene per un foro, già due vicini urlano vendetta e si sputano vicendevolmente.
Io ho risolto con una fustellatrice handmade. Ho smontato un'antenna di una vecchia radio portatile, (una di quelle telescopiche, fatte da una serie di tubicini di diametro decrescente) e ho limato una parte dei tubicini fino ad ottenere un bordo tagliente che uso come fustellatrice. Più largo è il diametro del tubicino, maggiore è il diametro del foro che si ottiene.
Come base utilizzo un pezzo di piombo (ex peso da immersione, fuso* e versato in una forma tecnologicamente avanzatissima... il bicchierino di alluminio di una candelina Ikea) che è abbastanza duro da farmi da incudine ma abbastanza morbido da non rovinare il filo delle fustelle handmade. Infine come martello, uso un martelletto da orologiaio trovato per terra durante una passeggiata (raccolgo qualsiasi cosa...) - (è quello che si vede nella prima foto, in basso a sinistra).

Incudine e fustelle fai-da-te | Handmade anvil and punches
E questo è quello che si ottiene usando le fustelle di diverso diametro:


A che mi serve quel rettangolo tutto bucherallato? Surprise! Alla prossima puntata de: "Strumenti improbabili".
Stay tuned!

*Si, lo so che il piombo è neurotossico, ma per arrivare alla tossicità di tutto quello che ci siamo respirato (di piombo) fino alla benzina "verde" dovremmo leccare un panetto di piombo tutti i giorni per 10 anni.
Inoltre è facile da lavorare, fonde a bassa temperatura (330°) ed ha il fascino dell'Uranio decaduto.

22 commenti:

  1. Non so come fai ma io mi rotolo sempre dalle risate quando leggo i tuoi post XD Sei fantastica, e vedere il tuo tavolo da lavoro nel caos è qualcosa di stupendo, amo vedere gli strumenti e adoro leggere i processi creativi che portano a una lavoro fatto e finito**
    Se poi sono tecniche che io non uso, il tutto è ancora più affascinante**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha le sue tecniche, non sono ne' più complicate ne' più difficili, solo diverse e sviluppate autonomamente in base alle problematiche che ci si presentano. Quando guardo i tuoi gioielli e le tue ceramiche... sbavo dall'invidia. Tanto ti basti! ;)
      :*****

      Elimina
  2. l'ide della fustellatrice è imbarazzante per quanto è geniale!!! posso già chiederti un regalo di natale??? ^_^ dove hai scovato quel cutter magico??? dalle foto si intravedono degli intagli che promettono favole per gli occhi!!! E comunque SI hai ragione... SEI MASOCHISTA!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bricofer! Con ben 5 lame di ricambio. Per di più è a lama retrattile così non si rovina. Ma ho trovato il mio nuovo oggetto del desiderio! Guarda qui: http://www.compradesso.com/fk-cutter-di-precisione-a-dito-girevole~238638/
      Non è meraviglioso??? :))) Il bisturi classico invece lo uso per i tagli grossi e x risparmiare gli rifaccio il filo con il mattoncino per le unghie... si, so' masochista!
      ;)

      Elimina
    2. ops! non m'ispira fiducia... Eli non ti trasformerai mica in una piccola Edward mani di forbice ^_^ sono all'antica preferisco il manico eheh però devo ammetterlo mai visto prima!!!

      Elimina
  3. Non ho parole ma solo meraviglia! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti chi parla di meraviglia! Proprio tu, domatrice del fuoco, modellatrice della silice!!!
      :***

      Elimina
  4. Caos???, io non vedo caos.. io vedo il paese dei balocchi in quelle foto!
    Anzi ti dirò che vedo due o tre pezzi che potrebbero pure interessarmi mia cara.
    Diciamo che mi piace assai il tuo modo di riutilizzare le cose (vedi fustelle), mi piacciono i tuoi bijoux e invidio, t'invidio a morte il martelletto da orologiaio.. come diamine hai fatto a trovarlo per terra?????, io manco 2 cent ci trovo!
    :*******************

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps: ho riletto tutto il post ma forse mi sfugge di nuovo... dimmi un pò, quelle cinque "cosine" alla sinistra della prima foto sono unghie??, o sò cecata??
      :***************

      Elimina
    2. Trovo un sacco di roba per terra... sarà il mio spirito accattone!;)
      PS. si, mannaggia, mi sono dimenticata di toglierle prima di fotografare...
      :****

      Elimina
  5. Ma quanto mi piacciono i post che fotografano craft room, craft corner... è il paese dei balocchi!!!! XD
    Il caos creativo è sinonimo di gioco, sperimentazione, pasticci, idee...bellissime foto ed idee (quella dell'antenna è mitica)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia più che craft room è una panic room! Anche perchè per metà (3/4 ;)) ci sono io con tutte le mie robe e per l'altra metà ci sono i computer, il fidanzo e tutte le sue robe elettroniche. Nella parte restante... il divanetto con gatte dormienti!
      :**

      Elimina
  6. Che caos fichissimo, mi piaceeee! Adoro vedere i piani da lavoro delle brave creative e vedere il work in progress dei vari lavori, sbavvvv!
    No ma serio, con le unghie cosa ci fai?! :D

    ps: io mi sono già innamorata di alcune cosine, mannaggia a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' fichissimo perchè l'inquadratura prende solo il tavolo... basta allargare la visuale per farsi tremare i polsi! Il puro delirio!
      Inizio a non trovare le cose che appoggio. Urge sistemata.
      Unghie? Quali unghie? ;)New project!

      :*******

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. ...adoro vedere quale varietà di ingegni scaturisce dalla mente prolifica delle creative!!! :D
    anche io adopero i più disparati e diversamente-utili strumenti, il più delle volte x scarsità di mezzi a cui porre rimedio con improvvise salvifiche illuminazioni...ma a dire il vero la cosa mi diverte anche!
    ma, a differenza della tua ordinatissima scrivania, sulla mia "il caos esplode in tutta la sua PRE-potenza"!!! e ogni tot mi tocca cercare di riguadagnare la superficie (del tavolo) completamente sommersa! :(

    mi piace molto l'idea del piombo come base x fustellare!!
    ...e non vedo l'ora di vedere il post del cartoncino bucherellato! ;o)

    ps:...ho ricommentato xké mi ero sbagliata... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, si, c'è anche l'aspetto money. Anche perchè molti "strumenti specifici" hanno prezzi folli ed immotivati! Eppoi vuoi mettere la soddisfazione? ;)
      :**

      Elimina
  9. io adoro i "dietro le quinte"!!! che meraviglia
    buon lavoro
    Grazia

    RispondiElimina
  10. Che bello... non sono l'unic con pezzi di roba in giro per casa ;)
    Anch'io raccolgo, oggi ho raccolto una piuma di piccione per Hobbes!
    :**

    PS: mi unisco nell'invidia per il cutter e il martelletto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico solo che non trovo più la pistola della colla a caldo... so che dev'essere qui, ma non la trovo. Questo mese è la 3a volta.
      Quindi a pezzi in giro sto messa bene. Molto bene!
      Wow! Hobbes sarà supercontento!!! Quando sanno ancora di pennuto sono succulentissime...
      ;*****

      Elimina
  11. Bellissime creazioni!! Sono una nuova follower!! Se vuoi vienimi a trovare sulla mia pagina!!!

    RispondiElimina